mercoledì 27 febbraio 2013

Milano FW




La Milano fashion week è cominciata ormai da qualche giorno all'insegna del freddo polare che ha colpito la città ma non ha di certo fermato gli appassionati del fashion.


Il tema, se così lo si può chiamare, che un po’ tutti gli stilisti hanno adottato è quello di una donna forte che sa quello che vuole e soprattutto conquista con la sua fiducia in se stessa.
Il mio più grande sogno è poter un giorno partecipare dal vivo a queste meravigliose sfilate, frutto di mesi di lavoro degli stilisti più famosi ma anche quelli che mostrano il loro talento sperando di conquistare il pubblico. Nonostante la mia assenza fisica cerco il più possibile di seguire ogni sfilata.

La prima che mi ha conquistata è quella di Moschino, sfilata che si ispira alla Scozia e alla sua tradizione con gonne a palloncino, colletti ben lavorati, stemmi dorati con la “M” del marchio ricamata e l’immancabile tartan, tessuto che ne rappresenta il filo conduttore naturalmente. Non dimentichiamoci poi dei meravigliosi accessori, orecchini di grandi dimensioni che vanno ad incorniciare il viso e caschetti da equitazione. Molto di impatto il finale con il suono delle cornamuse ad incorniciare il tutto.














Ho apprezzato anche la sfilata di Roberto Cavalli. Predominanza del bianco e del nero in quasi tutte gli outfit sfoggiati in passerella con qualche tocco di blu, rosso, oro e viola. Si passa poi ad uno stile più floreale con camicette e blazer. Molto belli anche gli abiti sia lunghi che corti.

















Quella di Emilio Pucci mi ha davvero incantata. Modelle che sfoggiano la frangetta ormai diventata una vera moda, trucco semplice ma sofisticato passo deciso da donna di carattere con un sottofondo musicale altrettanto deciso. Ho adorato gli accostamenti di colori pastello a tinte più decise, gli abiti semplici ma molto chic, l’utilizzo di tessuti leggeri e che seguono le curve del corpo e qualche tocco di animalier. I cappotti mi hanno lasciata senza fiato con i vari dettagli.













1 commento:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina